Angola

Scheda rischio investimenti

Download
ANGOLA.pdf
Documento Adobe Acrobat 373.8 KB

Indice di rischio paese: B- (18,50)


 

Dati principali

  • Popolazione totale (stima, luglio 2014): 19.088.106
  • PNL pro-capite PPP in dollari USA (stima, 2013): 6.323
  • Indice di Sviluppo Umano (stima, 2013): 0,526
  • Rapporto debito PIL % (stima, 2013): 32,77
  • Principali trattati e convenzioni internazionali multilaterali in materia di assicurazione contro i rischi politici degli investimenti e il riconoscimento di sentenze arbitrali o giudiziali internazionali: MIGA
  • Principali gruppi di opposizione armata presenti nel paese: FLEC-Forças Armadas de Cabinda; FLEC-Posiçao Militar

 

 

Con la fine della guerra civile, avvenuta nel 2002, i crescenti investimenti da parte di multinazionali estere, soprattutto nel settore energetico, hanno trasformato l’Angola nel secondo produttore di petrolio dell’Africa Subsahariana. Per quanto il futuro immediato dell’economia angolana appaia piuttosto roseo, il paese continua a essere afflitto al suo interno da gravi problemi sociali e tensioni, specialmente nella provincia di Cabinda. Vi sono fondati timori che le enormi entrate finanziarie provenienti dall’estrazione e vendita di petrolio, piuttosto che rafforzare le riforme democratiche, possano favorire mancanza di trasparenza,  corruzione e processi autoritari.

 

Composizione dell'indice di rischio paese

 

1. Divario tra sviluppo sociale e sviluppo economico: punti  2/4

 

2. Violazioni dei diritti umani: punti  2,75/4

 

3. Conflitti armati, presenza o attività di gruppi armati e rischio terroristico: punti 1,50/5

 

4. Sfiducia nelle istituzioni e percezione della corruzione: punti  3/4

 

5. Rischio finanziario paese: punti  4/5

 

6. Difficoltà di fare business nel paese: punti  3/3,25

 

7. Rischio di esproprio ed efficacia degli strumenti di protezione degli investimenti: punti 2,25/8