Conflitti e rischio terroristico

In Bolivia non si registra alcuna presenza di gruppi armati eversivi di qualsiasi natura, etnica, politica o religiosa. Negli ultimi anni non ci sono stati attentati di alcun tipo nel paese e il rischio terroristico risulta basso.

 

La Bolivia mantiene normali relazioni diplomatiche con tutti i paesi dell’emisfero sud tranne che con il Cile. Sin dalla loro indipendenza i due paesi hanno mantenuto relazioni tese a causa di dispute sulla regione di Atacama. La Bolivia ha sempre rivendicato il diritto alla sovranità su un corridoio verso l’Oceano Pacifico, dopo aver perso l’area di Atacama, suo unico sbocco al mare, in seguito alla Guerra del Pacifico del 1879-1883. Il problema è anche aggravato dalle sostanziali condizioni d’isolamento geografico in cui attualmente si trova il paese. Le dispute tra Bolivia e Cile riguardano anche i diritti di sfruttamento delle risorse idriche del fiume Lauca.

 

Da quando i negoziati tra i due paesi sono falliti, nel 1978,  Bolivia e Cile hanno mantenuto solo relazioni consolari. Le rivendicazioni per un corridoio verso l’Oceano Pacifico si sono fatte più pressanti con la salita alla presidenza del paese di Carlos Mesa. Nel marzo 2004, Mesa ha promosso una serie di raduni in Bolivia e all’estero per ricordare i caduti della Guerra del Pacifico e chiedere al Cile di cedere alla Bolivia un corridoio di accesso al mare, facendo di questa richiesta un perno della politica estera boliviana durante la sua amministrazione.

 

Sebbene il contenzioso rimanga irrisolto, con l’avvento di Evo Morales alla presidenza della repubblica della Bolivia e di Michelle Bachelet a quella del Cile, le relazioni tra i due paesi erano andate migliorando, salvo deteriorarsi nuovamente dal 2011, durante la parentesi dell’amministrazione di Sebastián Piñera in Cile.  Nell’aprile 2014, la Bolivia ha sottoposto il caso alla Corte di Giustizia Internazionale. A questa mossa, il Cile dovrà rispondere entro il febbraio 2015. Nonostante la persistenza di tensioni tra Cile e Bolivia, appare comunque improbabile che queste possano evolvere in un conflitto armato tra i due paesi.