Rischio espropri e protezione degli investimenti

Non risulta che il governo del Burkina Faso negli ultimi dieci anni abbia effettuato espropriazioni di patrimoni produttivi  o atti equivalenti ai danni di proprietà di cittadini stranieri o multinazionali estere, né sembra avere attualmente in atto programmi che prevedano l'esproprio totale o parziale di patrimoni produttivi stranieri. In base alle leggi del paese, lo stato ha il diritto di esproprio per pubblico interesse, ma ha l’obbligo di indennizzare i proprietari in anticipo. Nella pratica però, da molti anni il paese non è coinvolto in contenziosi riguardanti investimenti esteri nel paese.


Il codice civile protegge le proprietà e i diritti derivanti dalla stipulazione dei contratti. I tribunali operano su questioni commerciali in maniera abbastanza libera dall’influenza del governo e accettano e applicano all’interno le sentenze emesse all’estero. Tuttavia i processi sono lenti. Nel 2006, il paese ha introdotto un tribunale specializzato in questioni commerciali e nel 2007 ha aperto un centro di arbitrato e risoluzione di contenziosi commerciali. I tribunali del Burkina Faso accettano l’arbitrato internazionale come strumento per risolvere i contenziosi tra privati e applicano le loro sentenze. Il paese è membro dell’International Center for the Settlement of Investment Disputes (ICSID), ha ratificato la Convention on the Recognition and Enforcement of Foreign Arbitral Awards (CREFAA); ed è, inoltre, membro della Multilateral Investment Guarantee Agency (MIGA) e dell’Organisation pour l'Harmonisation en Afrique du Droit des Affaires (OHADA).


Le leggi sugli investimenti del Burkina Faso non risultano discriminatorie nei confronti degli investimenti esteri, a cui viene concesso  parità di trattamento rispetto alle imprese locali. Nel paese non si registra alcuna presenza di vincoli o limiti al rimpatrio di utili d'impresa o capitali. La moneta ufficiale del paese è il franco dell’Africa occidentale CFA, una valuta pienamente convertibile e liberamente quotata sul mercato.