Burundi

Scheda rischio investimenti

Download
BURUNDI.pdf
Documento Adobe Acrobat 410.8 KB

Indice di rischio paese: B+ (16,50)

 

Dati principali

  • Popolazione totale (stima, luglio 2014): 10,395,931
  • PNL pro-capite PPP in dollari USA (stima, 2013): 749
  • Indice di Sviluppo Umano (stima, 2013): 0,389
  • Rapporto debito PIL % (stima, 2013): 28,67
  • Principali trattati e convenzioni internazionali multilaterali in materia di assicurazione contro i rischi politici degli investimenti e il riconoscimento di sentenze arbitrali o giudiziali internazionali ratificate: WB-ICSID; MIGA
  • Principali gruppi di opposizione armata presenti nel paese: Nessuno

 

Sin dal 2005 il paese è guidato dal presidente Pierre Nkurunziza, leader del CNDD–FDD, rieletto nel 2010 in elezioni boicottate da alcuni partiti di minoranza e caratterizzate da un alto livello di violenza politica. Geograficamente privo di accesso al mare, il Burundi è uno dei paesi più poveri, densamente popolati e con il più basso sviluppo umano del continente africano. Il paese può considerarsi politicamente stabile, ma è afflitto da problemi di sicurezza, dovuti alle infiltrazioni di gruppi armati provenienti dalla vicina Repubblica Democratica del Congo. Tra i problemi del Burundi vi sono l’elevato livello di corruzione dell’apparato statale, specialmente delle forze di sicurezza e del sistema giudiziario, influenzati dal  partito di governo, e la presenza di forti restrizioni alla libertà dei mezzi d’informazione. Con l'approssimarsi delle elezioni presidenziali, fissate per il giugno 2015, nel primo semestre del 2014 si è assistito a tensioni crescenti. Nel marzo 2014, l'alto commissario delle Nazioni Unite per i dritti umani Navi Pillay ha criticato il governo per le crescenti limitazioni delle libertà civili e politiche nel paese, esprimendo particolare  preoccupazione per I violenti incidenti causati dagli Imbonerakure, l'ala giovanile del partito al governo. Il 23 giugno 2014, a Kiliba Ondes, nel Sud Kivu, nella parte occidentale della RDC, le truppe ribelli hutu del Fronte Nazionale di Liberazione (o FNL) hanno attaccato l'esercito del Burundi, uccidendo nove soldati. Le autorità del Burundi continuano a negare la presenza di loro truppe nella RDC. 

 

Composizione dell'indice di rischio paese

 

1. Divario tra sviluppo sociale e sviluppo economico: punti  1,25/4

 

2. Violazioni dei diritti umani: punti 3/4

 

3. Conflitti armati, presenza o attività di gruppi armati e rischio terroristico: punti 3/5

 

4. Sfiducia nelle istituzioni e percezione della corruzione: punti 1,25/4

 

5. Rischio finanziario paese: punti 0/5

 

6. Difficoltà di fare business nel paese: punti 3/3,25

 

7. Rischio di esproprio ed efficacia degli strumenti di protezione degli investimenti: punti 0,75/8