Cambogia

Scheda rischio investimenti

Download
CAMBOGIA.pdf
Documento Adobe Acrobat 345.6 KB

Indice di rischio paese: B+ (16,00)

 

Dati principali

  • Popolazione totale (stima, luglio 2014): 15.458.332
  • PNL pro-capite PPP in dollari USA (stima, 2013): 2.805
  • Indice di Sviluppo Umano (stima, 2013): 0,584
  • Rapporto debito PIL % (stima, 2013): 28,12
  • Principali trattati e convenzioni internazionali multilaterali in materia di assicurazione contro i rischi politici degli investimenti e il riconoscimento di sentenze arbitrali o giudiziali internazionali ratificate: WB-ICSID; MIGA; CREFAA
  • Principali gruppi di opposizione armata presenti nel paese: nessuno     

 

Le ultime elezioni politiche si sono tenute nel luglio 2013 e sono state in prevalenza prive di violenza. Nel periodo post-elettorale, dimostrazioni organizzate dai partiti dell’opposizione e altri hanno attrattou n numero senza precedenti di partecipanti. Sebbene queste dimostrazioni siano state in generale pacifiche, otto dimostranti sono rimasti uccisi e molti feriti, principalmente lavoratori, durante gli scontri con le forze di sicurezza nel settembre e novembre 2013 e nel gennaio 2014. Il boicottaggio dell’assemblea nazionale da parte del Cambodia National Rescue Party (CNRP) è terminato solo nel luglio 2014, con un accordo siglato dal suo leader, Sam Rainsy, e Hun Sen,  leader del Cambodian People's Party (CPP), il partito al potere. L’accordo contiene anche un amendamendo  costituzionale per trasformare la Commissione Elettorale Nazionale (NEC) in un organo indipendente, composto da quattro membri scelti dal CPP, quattro dal CNRP e uno sceltro di mutuo accordo tra le parti. La corruzione ha continuato ad essere endemica in tutto il paese e estesa a tutti i settori dello stato, compresi i poteri esecutivo, legislativo e giudiziario. I ridotti salari dei dipendenti statali hanno contribuito ad alimentare una cultura della “corruzione di sopravvivenza” ai bassi livelli dell’amministrazione dello stato, mentre la diffusa impunità ha permesso che la corruzione fiorisse a livelli più alti dell’amministrazione pubblica. Le ultime elezioni politiche si sono tenute nel luglio 2013 e sono state in prevalenza prive di violenza. Nel periodo post-elettorale, dimostrazioni organizzate dai partiti dell’opposizione e altri hanno attrattou n numero senza precedenti di partecipanti. Sebbene queste dimostrazioni siano state in generale pacifiche, otto dimostranti sono rimasti uccisi e molti feriti, principalmente lavoratori, durante gli scontri con le forze di sicurezza nel settembre e novembre 2013 e nel gennaio 2014. Il boicottaggio dell’assemblea nazionale da parte del Cambodia National Rescue Party (CNRP) è terminato solo nel luglio 2014, con un accordo siglato dal suo leader, Sam Rainsy, e Hun Sen,  leader del Cambodian People's Party (CPP), il partito al potere. L’accordo contiene anche un amendamendo  costituzionale per trasformare la Commissione Elettorale Nazionale (NEC) in un organo indipendente, composto da quattro membri scelti dal CPP, quattro dal CNRP e uno sceltro di mutuo accordo tra le parti. La corruzione ha continuato ad essere endemica in tutto il paese e estesa a tutti i settori dello stato, compresi i poteri esecutivo, legislativo e giudiziario. I ridotti salari dei dipendenti statali hanno contribuito ad alimentare una cultura della “corruzione di sopravvivenza” ai bassi livelli dell’amministrazione dello stato, mentre la diffusa impunità ha permesso che la corruzione fiorisse a livelli più alti dell’amministrazione pubblica.

 

Composizione dell'indice di rischio paese

 

1. Divario tra sviluppo sociale e sviluppo economico: punti  1/4

 

2. Violazioni dei diritti umani: punti 2,50/4

 

3. Conflitti armati, presenza o attività di gruppi armati e rischio terroristico: punti 3/5

 

4. Sfiducia nelle istituzioni e percezione della corruzione: punti 2,25/4

 

5. Rischio finanziario paese: punti 5/5

 

6. Difficoltà di fare business nel paese: punti 3/3,25

 

7. Rischio di esproprio ed efficacia degli strumenti di protezione degli investimenti: punti 1/8