Colombia

Scheda rischio investimenti

Download
COLOMBIA.pdf
Documento Adobe Acrobat 343.3 KB

Indice di rischio paese: A- (9,25)

 

Dati principali

  • Popolazione totale (stima, luglio 2014): 46.245.297
  • PNL pro-capite PPP in dollari USA (stima, 2013): 11.527
  • Indice di sviluppo Umano (stima, 2013): 0,711
  • Rapporto debito PIL % (stima, 2013): 31,8
  • Principali trattati e convenzioni internazionali multilaterali in materia di riconoscimento di sentenze arbitrali o giudiziali internazionali: WB-ICSID; MIGA; CREFAA
  • Principali gruppi armati presenti nel paese: ELN; FARC

 

 

 

Dal 2010, l’amministrazione Santos ha continuato gli sforzi per aprire l’economia, liberalizzando ulteriormente il settore delle telecomunicazioni, dei servizi di contabilità e di revisione dei conti, dell’energia, minerario e turistico; e, in misura minore, quello dei servizi legali, assicurativi, di distribuzione, pubblicitari e di elaborazione dei dati.  Questa politica ha fatto della Colombia uno dei centri principali d’attrazione degli investimenti diretti esteri dell’America Latina. Il conflitto armato interno ha però continuato a causare gravi violenze da parte dei gruppi guerriglieri, delle milizie criminali sorte dalla smobilitazione delle formazioni paramilitari, e dalle forze armate, anche se in misura minore rispetto al passato. Il governo del presidente Juan Manuel Santos e le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (FARC), il principale gruppo guerrigliero operante nel paese, hanno continuato a portare avanti le trattative di pace iniziate a Cuba nel 2012.  Nel febbraio 2014, il rapporto annuale della coalizione per i diritti umani “Somos Defensores” registrava 78 omicidi di difensori dei diritti umani, leader comunitari indigeni e afro-colombiani, sindacalisti e leader e membri di partiti politici nel corso del 2013, in aumento rispetto all’anno precedente. Nel marzo 2014 hanno avuto luogo le elezioni parlamentari, caratterizzate da un elevato tasso di astensionismo e accuse di frodi, ma pochi incidenti, che hanno visto una sostanziale riconferma degli equilibri tra forze politiche. Nel giugno dello stesso anno, nuove elezioni hanno confermato Santos per un secondo mandato presidenziale.  Nel luglio 2014 si sono intensificati gli attacchi e i sabotaggi da parte dei due principali gruppi guerriglieri di sinistra, FARC e ELN. Le FARC hanno messo a segno una serie di operazioni contro camion per il trasporto di carburante e cisterne petrolifere, colpendo principalmente la parte meridionale del dipartimento di Putumayo. L’ELN ha invece festeggiato il suo cinquantesimo anniversario il 4 luglio 2014 con una serie di attacchi soprattutto nel nord-est del paese.

 

 

Composizione dell'indice di rischio paese

 

1. Divario tra sviluppo sociale e sviluppo economico: punti  1/4

 

2. Violazioni dei diritti umani: punti 2/4

 

3. Conflitti armati, presenza o attività di gruppi armati e rischio terroristico: punti 3/5

 

4. Sfiducia nelle istituzioni e percezione della corruzione: punti 1/4

 

5. Rischio finanziario paese: punti 2/5

 

6. Difficoltà di fare business nel paese: punti 0,25/3,25

 

7. Rischio di esproprio ed efficacia degli strumenti di protezione degli investimenti: punti 0/8