Ecuador

Scheda rischio investimenti

Download
ECUADOR.pdf
Documento Adobe Acrobat 371.9 KB

Indice di rischio paese: B+ (16,00)

 

 

Dati principali 

  • Popolazione totale (stima, luglio 2014): 15.654.411
  • PNL pro-capite PPP in dollari USA (stima, 2013): 9.998
  • Indice di Sviluppo Umano (stima, 2013): 0,711
  • Rapporto debito PIL % (stima, 2013): 24,4
  • Principali trattati e convenzioni internazionali multilaterali in materia di riconoscimento di sentenze arbitrali o giudiziali internazionali: MIGA; CREFAA
  • Principali gruppi armati presenti nel paese: Nessuno

 

Per quanto l’Ecuador sia un paese abbastanza aperto agli investimenti esteri nella maggior parte dei settori, il clima degli investimenti ha continuato a rimanere incerto, anche per i continui cambiamenti delle politiche economiche e commerciali del governo. Nel settore petrolifero, negli anni passati il governo ha promosso una serie di azioni legali e cambiamenti normativi contro diverse compagnie proprietarie di concessioni, che sono apparsi pretestuosi e persecutori e che hanno dato luogo ad azioni di arbitrato internazionale, risolte in favore delle compagnie straniere. A Guayaquil, alla fine di aprile 2014, le autorità governative hanno espropriato un terreno di poco più di 20.000 mq offrendo all’impresa proprietaria, una filiale di una società cinese di Hong Kong, un indennizzo pari a 8,75 milioni di dollari USA. Il terreno era stato acquistato solo un mese prima dall’impresa per 12,5 milioni di dollari. In base alle nuove normative, che non riconoscono più i sistemi di arbitrato internazionale e neppure i trattati bilaterali sul commercio, l’impresa ha potuto appellarsi alla decisione solo tramite un tribunale ecuadoriano, il quale ha dato ragione alle autorità governative. L’impresa, sconsigliata dal ricorrere in appello, ha dovuto accettare l’insufficiente indennizzo offerto dalle autorità. Dopo la sua rielezione per il terzo mandato consecutivo, nel febbraio 2013, il presidente Rafael Correa ha emanato una nuova legge sull’informazione per le trasmissioni radio-televisive e le testate giornalistiche che restringe la libertà di stampa. Mentre il presidente ha continuato a biasimare il lavoro dei mezzi d’informazione critici verso il governo, la magistratura ha utilizzato le leggi antiterrorismo e i reati di sabotaggio per punire manifestanti antigovernativi. Nel maggio 2014, il presidente Correa ha annunciato la sua intenzione di sostenere una modifica costituzionale per permettere a lui e a chiunque altro di concorrere senza limiti di mandato alle future elezioni presidenziali. 

 

 

Composizione dell'indice di rischio paese

 

1. Divario tra sviluppo sociale e sviluppo economico: punti  1/4

 

2. Violazioni dei diritti umani: punti 1,75/4

 

3. Conflitti armati, presenza o attività di gruppi armati e rischio terroristico: punti 0,5/5

 

4. Sfiducia nelle istituzioni e percezione della corruzione: punti 1,75/4

 

5. Rischio finanziario paese: punti 5/5

 

6. Difficoltà di fare business nel paese: punti 2/3,25

 

7. Rischio di esproprio ed efficacia degli strumenti di protezione degli investimenti: punti 4/8