Etiopia

Scheda rischio investimenti

Download
ETIOPIA.pdf
Documento Adobe Acrobat 474.1 KB

Indice di rischio paese: B+ (17,25)

 

Dati principali

  • Popolazione totale (stima, luglio 2014): 96.633.458
  • PNL pro-capite PPP in dollari USA (stima, 2013): 1.303
  • Indice di Sviluppo Umano (stima, 2013): 0,435
  • Rapporto debito PIL % (stima, 2013): 23,02
  • Principali trattati e convenzioni internazionali multilaterali in materia di riconoscimento di sentenze arbitrali o giudiziali internazionali: MIGA
  • Principali gruppi armati presenti nel paese:  Ogaden National Liberation Front (ONLF);  Ogaden National Liberation Army (ONLA); Oromo Liberation Front (OLF); Gambella Nilotes United Movement/Army (GNUM/A);  Al-Shabaab 

L’Etiopia è il più popoloso paese del mondo senza sbocco al mare e  si colloca negli ultimi posti nelle classifiche dell’indice di sviluppo umano e del reddito pro-capite a livello globale. Sul piano dello sviluppo economico, l’Etiopia sta perseguendo ambiziosi programmi di sviluppo, parzialmente finanziati con fondi internazionali. Questi programmi a volte sono responsabili dello spostamento di intere comunità locali senza una appropriata consultazione delle parti interessate o indennizzi di alcun genere. Per obbligare le comunità a spostarsi, le forze di sicurezza etiopi usano la violenza, la minaccia e l’intimidazione. Il governo è controllato dall’Ethiopian People’s Revolutionary Democratic Front (EPRDF), una coalizione di quattro partiti costituiti sulla  base dell’appartenenza etnica, al potere da oltre vent’anni e che attualmente detiene 499 dei 547 seggi in parlamento. Dopo la morte del precedente primo ministro Meles Zenawi, avvenuta nell’agosto 2012, il parlamento ha eletto Hailemariam Desalegn, come suo successore. Il governo continua a rendersi responsabile di gravi e frequenti abusi dei diritti umani ai danni della popolazione, tra questi si segnalano le limitazioni del diritto di espressione, assemblea e libertà di stampa.

 

 

Composizione dell'indice di rischio paese

 

1. Divario tra sviluppo sociale e sviluppo economico: punti  0/4

 

2. Violazioni dei diritti umani: punti 4/4

 

3. Conflitti armati, presenza o attività di gruppi armati e rischio terroristico: punti 3/5

 

4. Sfiducia nelle istituzioni e percezione della corruzione: punti 1,5/4

 

5. Rischio finanziario paese: punti 4/5

 

6. Difficoltà di fare business nel paese: punti 2/3,25

 

7. Rischio di esproprio ed efficacia degli strumenti di protezione degli investimenti: punti 2,75/8