India

Scheda rischio investimenti

Download
INDIA.pdf
Documento Adobe Acrobat 391.4 KB

Indice di rischio paese: BB- (13,25)

 

 

Dati principali

  • Popolazione totale (stima, luglio 2014): 1.236.344.631
  • PNL pro-capite PPP in dollari USA (stima, 2013): 4.892
  • Indice di Sviluppo Umano (stima, 2013): 0,638
  • Rapporto debito PIL % (stima, 2013): 54,98
  • Principali trattati e convenzioni internazionali multilaterali in materia di riconoscimento di sentenze arbitrali o giudiziali internazionali: MIGA; CREFAA
  • Principali gruppi di opposizione armata nel paese: Nessuno


Sebbene non ai livelli della Cina, l’India esercita una certa attrazione per gli investitori stranieri, alimentata dalla forte crescita economica, dalle notevoli dimensioni del mercato interno, dalla presenza di un governo stabile e democratico e dalla consistente percentuale della popolazione in grado di comprendere e parlare la lingua inglese. Caratterizzato al suo interno da politiche protezionistiche, debolezza istituzionale e carenze infrastrutturali, il paese tuttavia non riesce a sfruttare pienamente il suo vasto potenziale. Il recente rallentamento della crescita del PIL, i grossi deficit delle partite correnti e un’inflazione persistente accrescono, inoltre, i timori per il suo quadro economico complessivo. Nel 2014 il paese ha tenuto le sue ultime elezioni politiche generali e la National Democratic Alliance (NDA), la coalizione guidata dal Bharatiya Janata Party (BJP) ha vinto, ottenendo il trentanove percento dei voti  e conquistando così una solida maggioranza in parlamento. Le elezioni del 2014 sono state considerate libere e corrette, malgrado atti di violenza contro minoranze religiose. A seguito della vittoria elettorale della NDA, Narendra Modi, leader del BJP, è divenuto primo ministro. La corruzione, molto diffusa, a ogni livello dell’apparato statale, il separatismo, la violenza interreligiosa, le attività dei movimenti insurrezionali, specialmente nello stato di Jammu e del Kashmir e negli stati della cosiddetta “cintura maoista” continuano a rimanere gravi problemi irrisolti nel paese.

 

Composizione dell'indice di rischio paese

 

1. Divario tra sviluppo sociale e sviluppo economico: punti  0/4

 

2. Violazioni dei diritti umani: punti 2/4

 

3. Conflitti armati, presenza o attività di gruppi armati e rischio terroristico: punti 3/5

 

4. Sfiducia nelle istituzioni e percezione della corruzione: punti 1/4

 

5. Rischio finanziario paese: punti 2/5

 

6. Difficoltà di fare business nel paese: punti 3,25/3,25

 

7. Rischio di esproprio ed efficacia degli strumenti di protezione degli investimenti: punti 2/8