Marocco

Scheda rischio investimenti

Download
MAROCCO.pdf
Documento Adobe Acrobat 290.4 KB

Indice di rischio paese: BB+ (10,25)

 

 

Dati principali

  • Popolazione totale (stima, luglio 2014): 32,987,206
  • PNL pro-capite PPP in dollari USA (stima, 2013): 6,905
  • Indice di Sviluppo Umano (stima, 2013): 0,617
  • Rapporto debito PIL % (stima, 2013): 61,7
  • Principali trattati e convenzioni internazionali multilaterali in materia di riconoscimento di sentenze arbitrali o giudiziali internazionali: WB-ICSID; MIGA; CREFAA
  • Principali gruppi armati nel paese: GICM; AQMI; Fronte Polisario

 

Il Re Mohammed VI, l’autorità politica suprema del Marocco, continua a disporre di poteri molto ampi. Il re presiede infatti il consiglio dei ministri, può nominare e rimuovere ministri, sciogliere il parlamento e richiedere nuove elezioni. Gli osservatori internazionali hanno giudicato le ultime elezioni del paese, le legislative del 2011, credibili e abbastanza esenti da irregolarità. Il partito islamico per la giustizia e lo sviluppo (PJD) si è confermato il primo partito, ottenendo il 27,08 percento dei voti e conquistando 107 dei 395 seggi  in parlamento. Conformemente al suo mandato costituzionale, il re ha conferito l’incarico di formare il nuovo governo di coalizione al PJD. La nuova costituzione, introdotta nel 2011, contiene diverse innovazioni nel campo della tutela dei diritti fondamentali, ma non sembra aver causato alcun ammorbidimento delle leggi repressive in vigore nel paese. Il governo ha posto grande enfasi sulla lotta alle cellule jihadiste presenti in territorio marocchino. Tuttavia, il rischio continua a permanere alto, anche per la crescente presenza di combattenti jihadisti ritornati dalle guerre in Afghanistan e, soprattutto, Siria.

 

 

Composizione dell'indice di rischio paese

 

1. Divario tra sviluppo sociale e sviluppo economico: punti  1/4

 

2. Violazioni dei diritti umani: punti 3/4

 

3. Conflitti armati, presenza o attività di gruppi armati e rischio terroristico: punti 2/5

 

4. Sfiducia nelle istituzioni e percezione della corruzione: punti 1/4

 

5. Rischio finanziario paese: punti 2/5

 

6. Difficoltà di fare business nel paese: punti 1,25/3,25

 

7. Rischio di esproprio ed efficacia degli strumenti di protezione degli investimenti: punti 0/8