Mauritania

Scheda rischio investimenti

Download
MAURITANIA.pdf
Documento Adobe Acrobat 329.6 KB

Indice di rischio paese: B- (18,25)

 

 

Dati principali

  • Popolazione totale (stima, luglio 2014): 3.516.806
  • PNL pro-capite PPP in dollari USA (stima, 2013): 2.988
  • Indice di Sviluppo Umano (stima, 2013): 0,487
  • Rapporto debito PIL % (stima, 2013): 87,72
  • Principali trattati e convenzioni internazionali multilaterali in materia di riconoscimento di sentenze arbitrali o giudiziali internazionali:WB-ICSID; MIGA; CREFAA
  • Principali gruppi armati nel paese: AQMI

Nel giugno 2014, il presidente Aziz è stato rieletto per il suo secondo mandato, ottenendo l’ottantadue percento dei voti. Sebbene osservatori dell’unione africana abbiano constatato che le operazioni di voto si sono svolte in un contesto calmo e pacifico, la maggioranza dei partiti dell’opposizione non vi ha partecipato, per mancanza di correttezza e imparzialità nella loro organizzazione.  Nel complesso, il governo ha continuato a garantire la libertà di associazione; nonché quella di tenere riunioni e dimostrazioni dei partiti politici registrati, sebbene talvolta le autorità abbiano impedito alcune manifestazioni apartitiche organizzate dalla società civile. La corruzione nel paese ha continuato a essere frequente a tutti i livelli e articolazioni dell’apparto dello stato. I funzionari pubblici utilizzano la loro influenza per ottenere guadagni personali, evitare di pagare le imposte, ottenere terre e trattamenti preferenziali nelle gare di appalto pubbliche. Come diversi altri paesi dell’Africa occidentale, la Mauritania è impegnata militarmente in Mali, all’interno della missione multidimensionale integrata di stabilizzazione nel Mali (MINUSMA). Di conseguenza,  risulta esposta ad eventuali attacchi terroristici di rappresaglia da parte di gruppi armati jihadisti attivi nella regione.  Tale rischio è da ritenersi particolarmente elevato, sia per la vicinanza della Mauritania ad alcune delle principali aree di conflitto, tra le quali lo stesso Mali e l’Algeria, sia per la presunta presenza di gruppi armati jihadisti, come ad esempio, l’AQMI all’interno del paese.  La Mauritania continua ad essere il paese al mondo dove è più diffuso il problema della schiavitù, e le autorità fanno poco per contrastarla.

 

 

Composizione dell'indice di rischio paese

 

1. Divario tra sviluppo sociale e sviluppo economico: punti  1/4

 

2. Violazioni dei diritti umani: punti 2,50/4

 

3. Conflitti armati, presenza o attività di gruppi armati e rischio terroristico: punti 2,50/5

 

4. Sfiducia nelle istituzioni e percezione della corruzione: punti 1,75/4

 

5. Rischio finanziario paese: punti 5/5

 

6. Difficoltà di fare business nel paese: punti 3/3,25

 

7. Rischio di esproprio ed efficacia degli strumenti di protezione degli investimenti: punti 2,50/8