Perù

Scheda rischio investimenti

Download
PERU'.pdf
Documento Adobe Acrobat 363.7 KB

Indice di rischio paese: BB+ (10,50)

 

 

Dati principali

  • Popolazione totale (stima, luglio 2014): 30.147.935
  • PNL pro-capite PPP in dollari USA (stima, 2013): 11.280
  • Indice di Sviluppo Umano (stima, 2013): 0,737
  • Rapporto debito PIL % (stima, 2013): 19,6
  • Principali trattati e convenzioni internazionali multilaterali in materia di riconoscimento di sentenze arbitrali o giudiziali internazionali:WB-ICSID; MIGA; CREFAA
  • Principali gruppi armati nel paese: Sendero Luminoso (SL)

 

 

La costituzione del 1993 garantisce agli investitori esteri gli stessi diritti riconosciuti agli investitori nazionali e permette gli investimenti esteri in praticamente  tutti i settori dell’economia. La risoluzione dei contenziosi commerciali è problematica, sebbene dal 2004 il governo abbia intrapreso passi per migliorare la situazione, creando tribunali commerciali e riducendo i tempi per la risoluzione dei casi. La preparazione dei giudici risulta variabile e corruzione, influenza politica e altre influenze esterne sono comuni all’interno del potere giudiziario. L’esito delle decisioni dei tribunali e il grado di applicazione delle sentenze sono difficilmente prevedibili.Nel corso del 2013 non si sono verificati attentati da parte di Sendero Luminoso (SL) nei centri principali o nelle destinazioni turistiche del Perù. Sono state documentate cinquantaquattro attività terroristiche di vario tipo, principalmente nei dipartimenti di Ayacucho e Cusco, in diminuzione rispetto al 2012, quando ne erano state registrate ottantasei. La maggioranza di queste attività è consistita in scorribande in piccoli paesi, con l’obiettivo di ottenere rifornimenti o reclutare membri per l’organizzazione, mentre in 19 casi si è trattato di attacchi con armi leggere ad installazioni dell’esercito o della polizia nazionale. Nell’aprile 2014, in una maxi operazione che ha coinvolto oltre 300 poliziotti e militari, le forze di sicurezza peruviane hanno arrestato 28 persone con l’accusa di essere legate a SL e emesso mandati di cattura contro sei peruviani residenti all’estero. Tra gli arrestati figurava anche un cugino del presidente Humala. Durante le attività anti-terrorismo due poliziotti ed un militare sono rimasti uccisi, ed altri cinque feriti. Gli scontri tra polizia e manifestanti verificatisi negli ultimi anni nell’ambito di manifestazioni pubbliche contro progetti minerari su larga scala, politiche del governo e iniziative imprenditoriali, sono talvolta sfociati nell’uccisione di civili da parte delle forze di sicurezza. Per quanto il numero delle vittime sia in sostanziale declino rispetto agli anni precedenti, si sono registrati pochi progressi nelle indagini relative a  questi casi o nell’assicurare che la polizia operi secondo standard internazionali sull’uso della forza letale.

 

 

Composizione dell'indice di rischio paese

 

1. Divario tra sviluppo sociale e sviluppo economico: punti  1/4

 

2. Violazioni dei diritti umani: punti 1,75/4

 

3. Conflitti armati, presenza o attività di gruppi armati e rischio terroristico: punti 2,50/5

 

4. Sfiducia nelle istituzioni e percezione della corruzione: punti 1,25/4

 

5. Rischio finanziario paese: punti 2/5

 

6. Difficoltà di fare business nel paese: punti 0/3,25

 

7. Rischio di esproprio ed efficacia degli strumenti di protezione degli investimenti: punti 2/8