Timor Est

Scheda rischio investimenti

Download
TIMOR EST.pdf
Documento Adobe Acrobat 304.6 KB

Indice di rischio paese: BB- (14,25)


 

Dati principali

  • Popolazione totale (stima, luglio 2014): 1.201.542
  • PNL pro-capite PPP in dollari USA (stima, 2013): 9.674
  • Indice di Sviluppo Umano (stima, 2013): 0,620
  • Rapporto debito PIL % (stima, 2013): N/D
  • Principali trattati e convenzioni internazionali multilaterali in materia di riconoscimento di sentenze arbitrali o giudiziali internazionali: WB-ICSID; MIGA
  • Principali gruppi di opposizione armata nel paese: Nessuno

 

Timor Est ha acquisito l’indipendenza dall’Indonesia solo nel 2002 e sta cercando di promuovere il rafforzamento delle proprie istituzioni legislative, esecutive e giudiziarie, sviluppando leggi e regolamenti e migliorando le capacità e la preparazione del personale statale, con l’obiettivo diventare, entro il 2030, un paese a medio reddito. In questo quadro, il governo di Timor Est ha continuato a promuovere una politica favorevole agli investimenti esteri, che risulta però ancora limitata a causa del poco chiaro quadro legislativo e giudiziario del paese.Le elezioni presidenziali e legislative del 2012 sono state  giudicate dagli osservatori internazionali libere e corrette e hanno portato all’elezione del presidente Taur Matan Ruak e alla formazione di un governo tripartitico, guidato dal primo ministro Kay Rala Xanana Gusmao. Il governo ha continuato a rispettare la libertà di riunione e associazione. Nel luglio 2013, le autorità hanno messo al bando le tre principali organizzazioni di arti marziali del paese, dopo che alcune indagini della polizia hanno fatto emergere legami di alcuni loro membri con attività criminali e violenze in bande.


 

Composizione dell'indice di rischio paese

 

1. Divario tra sviluppo sociale e sviluppo economico: punti  1,25/4

 

2. Violazioni dei diritti umani: punti 1,50/4

 

3. Conflitti armati, presenza o attività di gruppi armati e rischio terroristico: punti 0/5

 

4. Sfiducia nelle istituzioni e percezione della corruzione: punti 2,25/4

 

5. Rischio finanziario paese: punti 5/5

 

6. Difficoltà di fare business nel paese: punti 3/3,25

 

7. Rischio di esproprio ed efficacia degli strumenti di protezione degli investimenti: punti 4/8