Tunisia

Scheda rischio investimenti

Download
TUNISIA.pdf
Documento Adobe Acrobat 331.6 KB

Indice di rischio paese: A- (9,00)

 

 

Dati principali

  • Popolazione totale (stima, luglio 2014): 10.937.521
  • PNL pro-capite PPP in dollari USA (stima, 2013): 10.440
  • Indice di Sviluppo Umano (stima, 2013): 0,721
  • Rapporto debito PIL % (stima, 2013): 44,38
  • Principali trattati e convenzioni internazionali multilaterali in materia di riconoscimento di sentenze arbitrali o giudiziali internazionali:WB-ICSID; MIGA; CREFAA
  • Principali gruppi di opposizione armata nel paese: Ansar al-Sharia

 

 

 

 

 

 

 

Da quando è stato rovesciato il regime di Ben Alì, nel 2011, è stata introdotta nel paese una maggiore libertà di espressione, riunione e associazione, anche se i successivi governi hanno cercato di mettere sotto controllo i mezzi d’informazione e reprimere il dissenso con mezzi legali. Seppure lentamente, il processo di transizione verso la democrazia è continuato. Gli omicidi di Chokri Belaid e Mohamed Brahmi, due leader di sinistra dell’opposizione, avvenuti rispettivamente il 6 febbraio e il 25 luglio 2013 da parte di presunti militanti islamici, hanno causato un shock in tutto il paese e portato alla sospensione dei lavori del parlamento per due mesi. Nel dicembre 2013, i partiti al governo e quelli all’opposizione si sono accordati per creare un nuovo governo ad interim, composto da figure indipendenti, scegliendo Mehdi Jomaa quale primo ministro. Nel gennaio 2014 il parlamento ha approvato una nuova costituzione, molto progressista in certe aree, come ad esempio l’ “open government”, l’uso sostenibile delle risorse naturali e la decentralizzazione dello stato. Dal gennaio al settembre 2014, si è assistito a una intensificazione degli attacchi da parte dei guerriglieri salafiti, che hanno causato la morte di oltre 24 tra agenti di polizia e militari e il ferimento di molti altri. In risposta a queste attività armate, le forze di sicurezza tunisine hanno intensificato le operazioni militari anti insurrezionali, principalmente nell’area del monte Chaambi, al confine con l’Algeria. Nel febbraio 2014, il ministro degli interni tunisino ha espresso preoccupazione per la presenza del paese di 400 veterani tunisini ritornati dalla guerra in Siria.       


 

Composizione dell'indice di rischio paese

 

1. Divario tra sviluppo sociale e sviluppo economico: punti  1/4

 

2. Violazioni dei diritti umani: punti 2/4

 

3. Conflitti armati, presenza o attività di gruppi armati e rischio terroristico: punti 2/5

 

4. Sfiducia nelle istituzioni e percezione della corruzione: punti 0,50/4

 

5. Rischio finanziario paese: punti 2/5

 

6. Difficoltà di fare business nel paese: punti 0/3,25

 

7. Rischio di esproprio ed efficacia degli strumenti di protezione degli investimenti: punti 0,50/8