Uganda

Scheda rischio investimenti

Download
UGANDA.pdf
Documento Adobe Acrobat 327.1 KB

Indice di rischio paese: BB- (14,75)


 

Dati principali

  • Popolazione totale (stima, luglio 2014): 35.918.915
  • PNL pro-capite PPP in dollari USA (stima, 2013): 1.335
  • Indice di Sviluppo Umano (stima, 2013): 0,484
  • Rapporto debito PIL % (stima, 2013): 37,61
  • Principali trattati e convenzioni internazionali multilaterali in materia di riconoscimento di sentenze arbitrali o giudiziali internazionali: WB-ICSID; MIGA; CREFAA
  • Principali gruppi di opposizione armata nel paese: dell’Allied Democratic Forces (ADF); Lord Resistance Army (LRA)

 

L’economia ugandese è imperniata su una fiorente agricoltura che contribuisce da sola a oltre il ventitré percento del P.I.L. e alla maggior parte delle esportazioni. Tuttavia, l’instabilità interna e i conflitti hanno per lungo tempo minato le possibilità di sviluppo del paese, che continua ad avere uno degli indici di sviluppo umano più bassi del continente africano.Il presidente Yoweri Museveni, al potere dal 1986, è al suo quarto mandato quinquennale, ottenuto grazie alla vittoria alle elezioni del 2011, le stesse che hanno visto il suo partito, il National Resistance Movement (NRM), conquistare tre quarti dei seggi in parlamento. Per quanto, in generale, le elezioni non siano state caratterizzate da violenze, secondo osservatori internazionali il loro svolgimento è stato viziato da numerose e gravi irregolarità. Il governo di Museveni limita in modo crescente la libertà di associazione, riunione ed espressione nel paese, anche adottando misure come la temporanea chiusura del Daily Monitor e del Red Pepper, i due più popolari quotidiani del paese. Le persone che denunciano corruzione del governo vengono ostacolate e a volte denunciate penalmente, mentre agli oppositori politici viene regolarmente proibito di partecipare a eventi pubblici. In politica estera, l’Uganda continua una politica di forte coinvolgimento nella guerra civile somala, come principale contributore militare all’AMISOM, la missione militare dell’Unione Africana in Somalia. Dal dicembre 2013, l’esercito ugandese sta appoggiando il governo del Sud Suda, anche se recenti accordi dovrebbero portare ad un suo probabile ritiro in tempi rapidi. La Lord Resistance Army, il gruppo ribelle ugandese che si oppone al governo di Kampala, ha continuato a operare tra la RDC, la Repubblica Centrafricana e il Sud Sudan, anche se sarebbe stata responsabile di violenze in scala più ridotta rispetto al passato. 

 

 

Composizione dell'indice di rischio paese

 

1. Divario tra sviluppo sociale e sviluppo economico: punti  0/4

 

2. Violazioni dei diritti umani: punti 3/4

 

3. Conflitti armati, presenza o attività di gruppi armati e rischio terroristico: punti 3/5

 

4. Sfiducia nelle istituzioni e percezione della corruzione: punti 1,75/4

 

5. Rischio finanziario paese: punti 4/5

 

6. Difficoltà di fare business nel paese: punti 2/3,25

 

7. Rischio di esproprio ed efficacia degli strumenti di protezione degli investimenti: punti 1/8