Zambia

Scheda rischio investimenti

Download
ZAMBIA.pdf
Documento Adobe Acrobat 335.9 KB

Indice composito di rischio paese: B+ (16,00)

 

 

Dati principali

  • Popolazione totale (stima, luglio 2014): 14.638.505
  • PNL pro-capite PPP in dollari USA (stima, 2013): 2.898
  • Indice di Sviluppo Umano (stima, 2013): 0,561
  • Rapporto debito PIL % (stima, 2013): 34,1
  • Principali trattati e convenzioni internazionali multilaterali in materia di riconoscimento di sentenze arbitrali o giudiziali internazionali:WB-ICSID; MIGA; CREFAA
  • Principali gruppi di opposizione armata nel paese: Nessuno

 

L’economia dello Zambia rimane incentrata sullo sfruttamento del rame, che rappresenta il sessanta percento delle esportazioni complessive del paese e il settanta percento del rame prodotto in tutta l’Africa. Le elezioni presidenziali e legislative del 2011 hanno visto la vittoria di misura del Patriotic Front (PF) di Michael Chilufya Sata sul Movement for Multiparty Democracy (MMD), l’ex partito di governo. Le elezioni sono state considerate dagli osservatori internazionali in generale libere e corrette. Tuttavia, il Patriotic Front ha conquistato solo sessanta dei 157 seggi dell’assemblea nazionale unicamerale e ha lanciato un’aggressiva campagna di delegittimazione dei seggi conquistati dall’opposizione, facendone invalidare molti e promuovendo nuove, controverse, elezioni parlamentari parziali. In queste nuove elezioni, spesso caratterizzate dall’acquisto di voti,  minacce di bloccare progetti di sviluppo, intimidazioni  e violenze fisiche, e il partito al governo è riuscito a strappare numerosi seggi in precedenza conquistati dall’opposizione. Le forze di sicurezza commettono gravi violenze, tra cui uccisioni illegali e torture.  Sebbene storicamente i partiti politici non abbiano subito limitazioni o interferenze da parte dello stato, l’attuale governo interferisce con le attività dei partiti d’opposizione, utilizzando le forze di polizia per arrestarne i funzionari e bloccare raduni, assemblee e contestazioni pubbliche, anche con la violenza.  Il governo limita la libertà di espressione, ma numerose stazioni private continuano a programmare in tutto il paese senza interferenza. Il governo ha promosso diversi casi di esproprio e misure equivalenti ai danni di investitori stranieri, senza garantire risarcimenti alle parti espropriate.

 

 

Composizione dell'indice di rischio paese

 

1. Divario tra sviluppo sociale e sviluppo economico: punti  1/4

 

2. Violazioni dei diritti umani: punti 3/4

 

3. Conflitti armati, presenza o attività di gruppi armati e rischio terroristico: punti 1/5

 

4. Sfiducia nelle istituzioni e percezione della corruzione: punti 1/4

 

5. Rischio finanziario paese: punti 5/5

 

6. Difficoltà di fare business nel paese: punti 1/3,25

 

7. Rischio di esproprio ed efficacia degli strumenti di protezione degli investimenti: punti 4/8