Messico: il paese dove è più facile svolgere un’attività imprenditoriale in America Latina

Il Messico è la principale economia dell’America Latina dopo il Brasile, e la quindicesima a livello mondiale. Per quanto venga spesso rappresentato dai mezzi di informazione come un paese dominato dalla violenza, dal crimine organizzato e da una corruzione politica pervasiva, il nuovo rapporto della Banca Mondiale Doing Business 2018 continua sfatare, almeno in parte, questi luoghi comuni, mostrando aspetti di un paese moderno e organizzato.

La classifica stilata in base alla facilità di svolgere attività imprenditoriali vede, infatti, il Messico al quarantanovesimo posto su 190 paesi, la posizione comunque più alta tra i paesi latinoamericani.  Al secondo posto nella regione figura il Cile, solo cinquantacinquesimo a livello mondiale, seguito dal Perù, cinquantottesimo.

Questo risultato si può attribuire anche a cambiamenti normativi promossi negli ultimi anni, il governo messicano, che hanno migliorato il sistema fiscale e  l'accessibilità al credito ampliando le garanzie immobiliari nell'ottenimento dei prestiti bancari.

Nel 2013, con la nuova riforma fiscale promossa dal Presidente Enrique Peña Nieto, il Congresso messicano ha eliminato l’Impuesto Especial de Tasa Única (IETU), un’imposta addizionale che gravava sulle imprese e gli imprenditori che operavano nei settori agricolo e dell’allevamento di bestiame, industriale e commerciale.  

In più, Città del Mexico ha migliorato l'affidabilità del servizio elettrico attraverso l'installazione di contatori intelligenti, ampliando la rete a medio voltaggio e implementando un nuovo sistema di ripristino remoto del servizio.

Sin dal 2013, inoltre, il paese ha eliminato il "capitale minimo" per aprire una società a responsabilità limitata e secondo l'ultimo studio della Banca Mondiale, attualmente, in Messico occorrono solo 8,5 giorni e otto passaggi burocratici per poter iniziare un’attività imprenditoriale.

Tuttavia, rimangono aspetti da migliorare, come ad esempio i procedimenti di registrazione nel registro delle proprietà che andrebbero semplificati, le concessioni edilizie ancora lente, e i tempi di allacciamento alla rete elettrica, troppo lunghi.

 

 

    

 

Il rapporto Doing Business 2018 è scaricabile integralmente cliccando qui.